AGRICOLTURA IN VENETO :NORMATIVE- OBBLIGHI - FINANZIAMENTI - EVENTI - NEWS

Confagricoltura Mirano a sostegno delle aziende

bisogna innovare per 

FARE LA COSA GIUSTA - NEL MOMENTO GIUSTO - NEL POSTO GIUSTO - CON LA GIUSTA QUANTITA’

AGRICOLTURA DI PRECISIONE 

09 maggio 2013

SANZIONI AGEA PER IL MANCATO RISPETTO DELL' AVVICENDAMENTO (CONDIZIONALITA')

Sappiamo tutti che esistono delle norme da rispettare per poter percepire i contributi comunitari per l'agricoltura, definite per comodità Condizionalità:
Buone Condizioni Agronomico Ambientali

Una degli obblighi che generalmente gli agricoltori faticano a capire ( o meglio ad accettare) è l'obbligo dell' avvicendamento colturale, pratica che in tempi remoti era di prassi.
Quest'obbligo di rotazione dell colture, fa parte di un piano per il controllo delle sostanze azotate nei terreni e di conseguenza di protezione dall'atrofizzazione e della falda sottostante.

Senza considerare le deroghe alla normativa, ad esempio per gli allevatori,gli obblighi da rispettare  principalmente nella Ns. zona sono:
E' Vietata la mono­ successione per una durata superiore a cinque anni dei se­guenti cereali: 
frumento duro,frumento tenero, triticale,spelta, segale, orzo, avena, mi­glio, scagliola, farro
La successione dei seguen­ti cereali (frumento duro, fru­mento tenero, triticale, spelta,segale, orzo, avena, miglio,scagliola, farro) è considerata, ai fini della presente norma, come monosuccessione dello stesso cereale
Vige inoltre l’obbligo di effettuare l’avvicendamento almeno biennale tra colture depauperanti e colture miglioratrici o da rinnovo.

Le colture miglioratrici e quelle da rinnovo sono quelle di seguito elencate: 

cereali (granturco, sorgo da granella, grano saraceno, granturco dolce);proteiche (piselli, fave e favette, lupini dolci); semi oleosi (soia, colza e ravizzone, girasole, lino);piante  da fibra (canapa, lino);barbabietola da zucchero.Colture depauperanti sono i cereali a paglia (duro, tenero, triticale, spelta, segale, orzo, avena, miglio, scagliola, farro).

Veniamo alle sanzioni.

premesso che la sanzione è proporzionale alla gravita' dell' infrazione.



Livello basso

superficie oggetto di infrazione superiore a 0 e inferiore o uguale al 20% della superficie

aziendale soggetta a vincolo, purché non superiore a 2 ettari.

Livello medio

superficie oggetto di infrazione superiore al 20% e inferiore o uguale al 30% della

superficie aziendale soggetta a vincolo, purché non superiore a 3 ettari;

Livello alto

superficie oggetto di infrazione superiore al 30% della superficie aziendale soggetta a

vincolo, oppure superiore a 3 ettari, oppure siano riscontrati effetti extra - aziendali.

 ecc..
Questo penalizza le micro aziende agricole che essendo spesso monocolturali  facilmente hanno una sanzione di livello medio


Le sanzioni si possono riassumere brevemente così:



La sanzione, per il primo anno, è al massimo il 5%,del premio relativo, 
mentre nell'anno successivo è il 15%, nel terzo anno, dopo 
l'ammonizione, diventa intenzionale e si arriva al 20%, per poi venire 
esclusi dal regime in caso di più infrazioni intenzionali ripetute.
In pratica le riduzioni dovrebbero essere:
1° anno 5%
2° anno 15%
3° anno (dopo ammonizione) 20%
4° anno esclusione dal regime per l'anno in corso e quello successivo 

Per maggiori approfondimenti in merito potete leggere questi due stralci della circolare AGEA
sanzioni
norme sostanze azotate

o consultare il settore normative del sito agea
per una migliore comprensione della norma.

SE invece vuoi saperne di più sugli avvicendamenti colturali puoi leggere QUI



Print Friendly and PDF

articoli