AGRICOLTURA IN VENETO :NORMATIVE- OBBLIGHI - FINANZIAMENTI - EVENTI - NEWS

USA QUESTA barra per trovare ciò che ti interessa

02 aprile 2013

Gasolio agricolo guida pratica


Gasolio ad accise agevolate (libretto carburante in Veneto) Guida pratica e pragmatica.Questo articolo vuole solo essere un'elenco di alcune delle principali norme in merito.
N.b. vi ricordiamo che il libretto carburante in Veneto da un paio di anni, è stato smaterializzato ed esiste solo in formato telematico.

  • chi può ottenerlo.
  • cisterne e fusti a NORMA.
  • macchine agricole e attrezzature.
  • lavorazioni e colture ammesse.
  • documenti obbligatori.
  • Rimanenze di carburante.

  • Chi può ottenerlo
  • esercenti le attività agricole;
  • imprese agromeccaniche che svolgono lavorazioni presso imprese agricole iscritte nel Registro delle imprese e nell'Anagrafe del Settore Primario (AGEA e AVEPA).
  • esercitare attività agricola e risultare iscritti, al momento della presentazione della domanda, nel Registro delle imprese della Camera di commercio e nell'Anagrafe del settore primario (nel nostro caso aver creato un fascicolo aziendale presso AVEPA);
  • e possedere o usare macchine agricole;
  • e possedere o condurre terreni
  • o essere titolare di una impresa agromeccanica iscritta nel Registro delle imprese della Camera di commercio e nell'Anagrafe del Settore primario;
  • o svolgere attività di trasformazione dei prodotti agricoli o di conduzione terreni come cooperative di imprese singole, parimenti iscritte al Registro delle imprese e all'anagrafe delle ditte."
  • CISTERNE e Fusti a Norma

Dimostriamo di avere ALMENO buona volontà...... Adeguiamo le vecchie cisterne per metterle a norma.
  •  TUTTI I CONTENITORI/DISTRIBUTORI (Cisterne, ) devono rispettare i requisiti del DM19/3/ 90, sia per l'antincendio che per la condizionalità e quindi: bacino di contenimento , copertura, estintori, cartellonistica e dove necessario massa a terra
  • Attenzione però:

 ( vi è una deroga per i contenitori fino a 6mq per i dettagli  consulta  l'immagine  )

Vi ricordiamo che se UTILIZZATE botti per i trattamenti, 
Si deve, poter dimostrare che le proprie irroratrici per i fitofarmaci sono a norma e munite della certificazione di funzionalità (verifica da fare ogni 5 anni ), onde evitare di incorrere in sanzioni.
utilizzati per l’autoproduzione di energia elettrica (art. 1, comma 3, del d.m. 454/2001)
RICORDIAMO CHE l' autorità sanziona;
  • Se il parco macchine è diverso da quello dichiarato nella domanda carburanti.
  • Se le attrezzature dichiarate non sono tutte presenti in azienda.
  • Se le cisterne o le irroratrici/atomizzatori non sono a norma.
  • Se le  colture dichiarate sono diverse da quelle rilevate.

  •  DOCUMENTAZIONE OBLIGATORIA 
  • registri dei trattamenti
  • certificazioni di regolarità per irroratrici o atomizzatori
  • autorizzazione all'utilizzo per irrigazione di acqua se presa da canali consortili
  • "patentino trattore" solo dal 31/12/2018




  • Rimanenze:

  •  La Guardia di Finanza, nell’espletamento della propria attività istituzionale, svolge anche controlli presso le aziende agricole per verificare il corretto utilizzo del carburante agevolato. Nel corso di tali controlli può accadere che i finanzieri riscontrino irregolarità riguardanti la dichiarazione dei residui relativi all’anno precedente o l’utilizzo del gasolio agricolo agevolato per l’anno in corso rilevando che esso è stato destinato ad attività diverse da quelle per le quali era stato assegnato. In questi casi, di norma, i finanzieri provvedono al sequestro dei quantitativi per i quali hanno riscontrato l’irregolarità e alla segnalazione dell’irregolarità all’Ufficio delle Dogane, competente per territorio, alla Procura della Repubblica e all’AVEPA Sede centrale
      13. INADEMPIENZE


    Come si compila la richiesta di carburante agevolato ad uso agricolo, e le relative normative collegate sono un argomento che è preferibile trattare in modo approfondito, e quindi vi consiglio di parlarne di persona con il personale del C.A.A .

    argomenti
    ... che requisiti deve avere 

    Il gasolio agevolato DEVE ESSERE STOCCATO in una cisterna a norma, quindi con una tettoia non infiammabile, una vasca di contenimento in acciaio o altro materiale impermeabile (no cemento) deve poter contenere almeno il 50% della capacità della cisterna . Non ci devono essere OVVIAMENTE perdite di alcun tipo . 
    Verificare che sia possibile lo svuotamento del bacino di contenimento.

    OBBLIGO DI REGOLARIZZAZIONE ANTINCENDIO CISTERNE MOBILI GASOLIO ENTRO IL 7 OTTOBRE 2016 per i depositi con capacità superiore ai 6 metri cubi, ai sensi del citato DPR, vige l’obbligo di presentare la SCIA, redatta da un tecnico abilitato, con la quale va denunciata l’esistenza del deposito di gasolio e va dichiarata la conformità dello stesso alla normativa vigente in materia di sicurezza antincendio. Quanto detto vale sia per le cisterne già presenti in azienda che per i nuovi serbatoi.

    VEDIAMO MEGLIO QUESTA NORMATIVA 
    ai sensi, dell’articolo 4, commi 2-bis e 2-ter, della Legge 27 febbraio 2015 n. 11 (Gazzetta Ufficiale n. 49 del 28 febbraio 2015), entro il prossimo 7 ottobre 2016:
    la cisterna mobile di gasolio dovrà essere regolarizzata ai fini antincendio, mediante l’invio al Comando provinciale dei Vigili del Fuoco competente per territorio della Segnalazione certificata d’inizio attività (SCIA) predisposta da un tecnico abilitato alla prevenzione incendi e previo rispetto dei requisiti di sicurezza previsti dalla normativa di riferimento.

    Ogni serbatoio di gasolio, utilizzato per l’attività agricola, munito di un qualsivoglia sistema per il rifornimento (pompa) è configurato come un DISTRIBUTORE DI GASOLIO e rientra nelle attività di prevenzione incendi se il suo volume supera i 6000 litri. Allo stesso modo più serbatoi adiacenti realizzano attività di prevenzione incendi, soggetta a SCIA, se la somma dei volumi è superiore a 6000 litri.
    Come previsto dal Comma 1, Art. 1-bis della Legge 116 del 11 agosto 2014,
    sono esonerati dall’iter 
    amministrativi di prevenzione incendi di cui al D.P.R. 151/2011 (SCIA Antincendio) 
    i depositi di combustibile ad uso agricolo di capacità inferiore a 6000 litri anche se muniti di erogatore.

    UN Consiglio valido per tutti:
    Munitevi di estintori ed estinguenti adeguati,
     sappiamo che il gasolio non brucia facilmente ma i vapori sono infiammabili e  gli olii invece son difficili da spegnere, quindi fatelo per Voi prima di tutto .

    POSIZIONAMENTO DELLA CISTERNA
      Mettete la cisterna, in piano, fuori da fabbricati , capannoni, barchi ecc.. e distante da pendii o corsi d'acqua.
      Deve essere contornata da un'area,non minore di 3m, completamente sgombra e priva di vegetazione e fabbricati che possa costituire pericolo di incendio.
      Tanto se vi controllano ve la faranno spostare, quindi meglio fare il lavoro una sola volta e farlo bene si spende meno.


    PER CHI HA VOGLIA DI LEGGERE QUI TROVATE LA NORMATIVA D.M. 19/03/1990 CHE IN SINTESI VI ABBIAMO APPENA  ILLUSTRATO.

    • Macchine agricole e attrezzature
       LO RICORDIAMO ANCORA :
      IL GASOLIO AGEVOLATO PUO' ESSERE USATO SOLO NEI MEZZI INDICATI IN LIBRETTO CARBURANTI.
      Ricordiamo che l'agevolazione del carburante è concessa direttamente dall'agenzia delle dogane e l'infrazione grave riguardante  l'utilizzo del carburante agevolato, viene inizialmente identificata, a causa della riduzione sulle accise, come TRUFFA AI DANNI DELLO DELLO STATO.
    NON PRENDETE MULTE PER PIGRIZIA :
    PASSANTE IN UFFICIO CON I LIBRETTI DI CIRCOLAZIONE NUOVI O VENITECI A DIRE SE VENDETE O ROTTAMATE QUALCHE MEZZO o ATTREZZO.
    quindi Comunicateci le macchine vendute o acquistate,e tenete aggiornato il libretto.


    Non possono essere iscritte nel fascicolo aziendale e quindi utilizzare carburante
    agricolo agevolato i ciclomotori, i motoveicoli, gli autoveicoli e i generatori di corrente



    • Lavorazioni e colture ammesse.
      Tenete aggiornato il libretto se cambiate idea su cosa coltivate, rispetto a quanto dichiarato in precedenza, fate rifare il libretto.
      Rischiate di prelevare meno carburante rispetto quello che vi spetta o peggio di averne prelevato troppo.
     Il carburante è assegnato in base alla coltura, ci sono delle tabelle  fatte annualmente dalla regione , per ogni coltura e per ogni  lavorazione, è assegnato un quantitativo ad ettaro ammissibile di carburante .
    (RibadiaMO, IL QUANTITATIVO Lo determina la Regione, non l'ufficio in cui fate il libretto inutile protestare)




    Nel corso dell’anno possono essere concesse assegnazioni supplementari di carburante

    agevolato, SOLO, per variazioni riguardanti la consistenza dei

    terreni, degli allevamenti, della trasformazione dei prodotti, delle macchine e attrezzature.

    Tali supplementi saranno concessi limitatamente alle lavorazioni e attività ancora

    ammissibili nel corso dell’anno successive alla presentazione della domanda.

    Le richieste di supplemento per l’esecuzione di irrigazioni di soccorso potranno essere autorizzate con decreto dell’AVEPA dopo che la stessa avrà provveduto all’individuazione delle aree

    ammissibili
    PORTATECI copia delle fatture dei terzisti così sarà più semplice  certificare le lavorazioni che  avete fatto Voi e quelle che non avete fatto.( tenetene copia nel registro dei trattamenti)
    La fattura ha validità legale, se dichiarate entrambi le lavorazioni il carburante verrà assegnato al Terzista e non a Voi. 
    (controllate sempre le fatture dei terzisti devono esserci indicate le lavorazioni la coltura lavorata e la superficie trattata , fate attenzione che tutto sia corretto 

    • Rimanenze di carburante.

      Il residuo dichiarato verrà ricompreso automaticamente nell’assegnazione lorda per l’anno successivo e sarà detratto automaticamente dal sistema dalla sua assegnazione totale.
      Ogni anno i conteggi verranno rifatti in base alle colture dell'anno, e ogni anno verranno rifatti completamente ex novo. 
      Non è assolutamente vero che se non prelevo o che se ho rimanenze, "mi riducono per sempre l'assegnazione perché quel gasolio non mi è servito"
      argomento scottante.
      E' inutile che dichiariate ogni anno di aver consumato tutto il carburante agevolato se questo non è vero.Al primo controllo il gasolio che avete in + in cisterna con la sanzione che prendete ve lo ricordate per un pezzo. 
      Esempio1: dichiaro di avere rimanenza zero al 31/12 e l'anno dopo prelevo 2000 litri, ed il Finanziere in cisterna ne trova 3000 come lo spiegate? Sono furbizie inutili. 
      Esempio2: se una serra o un allevamento dichiara Zero come rimanenza al 31/12, con quale carburante ha scaldato dal 01/01 alla data del libretto? (se non con quello agricolo dove sono le fatture del gasolio normale?) 
      Esempio3: Il terzista ha fatturato tutte le lavorazioni sulle colture, io in che modo ho utilizzato il gasolio? 
    • Sono inadempienti i produttori, che avendo ottenuto un’assegnazione di carburante agevolato nel corso dell’anno, 
    entro il 30 giugno dell’anno successivo non provvedono a dichiarare l’avvenuto impiego di quel carburante.
    Tale dichiarazione va resa obbligatoriamente anche nel caso in cui il produttore, a seguito dell’assegnazione ottenuta, non abbia provveduto ad effettuare alcun prelevamento o sia deceduto.
    Successivamente al 30 giugno di ogni anno l’AVEPA trasmette l’elenco delle ditte inadempienti agli Uffici delle Dogane e della Guardia di Finanza competenti per territorio come previsto dalla normativa vigente.




    Print Friendly and PDF

    articoli